Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori

Confindustria ANCMA

Comunicati / LE BICICLETTE RESISTONO

2013-05-07

Sono 1.606.014 le biciclette vendute in Italia lo scorso anno, cifra che in termini percentuali significa un -8,2% rispetto al 2011 (1.750.000 unità). Il decremento è dovuto alla crisi economica globale, ma è di poco rilievo se inserito nel contesto più generale. Il settore delle due ruote a pedale resiste meglio di altri che contano perdite a due cifre. Anche la produzione scende, in maniera contenuta con un
-9,8% pari a 2.190.075 unità. In positivo il trend delle parti di biciclette: l’export ha realizzato un fatturato di 463 milioni di euro con un +15%; l’import ha totalizzato 302 milioni di euro con +9% rispetto al 2011. Nel complesso la bilancia commerciale di bici e parti in attivo per il 2012 è stata di 161 milioni di euro ed ha riportato un +4,5%.
“I fattori che contribuiscono a questa situazione sono ravvisabili nella considerazione che la bici oggi rappresenta una delle più importanti soluzioni per la mobilità sostenibile” dichiara Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA, l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e accessori - Si risparmia in consumo di carburante ed emissioni, si guadagna in salute e velocità di trasferimento nelle città congestionate dal traffico. Inoltre, chi decide di pedalare contiene i costi di gestione. Tra i nostri obiettivi sia la promozione e la tutela dell’intero comparto, sia il fare cultura delle due ruote. Attraverso attività che rendano ciclabili le nostre città e infrastrutture nelle zone extraurbane. Ma anche con il cicloturismo. In Germania esistono 7 milioni di cicloturisti che spendono mediamente 1.200 euro l’anno generando un fatturato di 9 miliardi di euro. Per raggiungere questo traguardo, anche in Italia, basterebbe realizzare, con risorse modeste, piste ciclabili che percorrano da nord a sud e da est a ovest il nostro bel paese garantendo anche l’incoming di turisti stranieri. Al nuovo Governo chiediamo provvedimenti che vadano in questa direzione e che puntino a rendere l’Italia un Paese in linea con gli standard delle best practices europee. Studi internazionali dimostrano che un euro investito in ciclabilità ne restituisce 4/5 alla collettività intera”.
Per la prima volta in Italia, è possibile disegnare un prospetto completo del settore bici, grazie allo studio di Confindustria ANCMA, commissionato a GFK Eurisko.
Nel totale vendite a conquistare il primo posto sono le mountainbike (30%), seguite dalle trekking o city bike (32%), le bici da bambino (18%), i prodotti da corsa (7%), le classiche (10%), le elettriche (3%). Le biciclette a pedalata assistita hanno segnato il +9,5%, rispetto al 2011, confermando di essere un fenomeno in espansione soprattutto nelle grandi città. Si tratta di veicolo a due ruote a motore che non necessita di omologazione, a patto che abbia una potenza massima di 250Watt. Il propulsore assiste il ciclista all’atto della pedalata e si interrompe quando la velocità supera i 25Km/h oppure quando smette di pedalare. Qualunque bicicletta a pedalata assistita con potenza o velocità maggiori deve essere omologata e considerata ciclomotore a tutti gli effetti. Non sono valide, ai fini omologativi, le indicazioni che ne invitano o ne obbligano l’uso su strade private. Prendono piede anche le bici pieghevoli, seppure siano ancora numeri di nicchia (circa 20.000 pezzi anno). La possibilità di essere trasportate agevolmente come fossero bagagli sui treni ne favorisce la diffusione. Diverse aziende, in proposito, stanno rinforzando la propria gamma anche con modelli a pedalata assistita pieghevoli.
I canali di vendita per bici e after market sono tre: grande distribuzione organizzata (GDO); grande distribuzione specializzata (GDS); dealer specializzati (DS). In termini numerici, per quanto concerne le vendite, queste le percentuali: 30% GDO, 30% GDS, 40% DS. In termini di fatturato, il totale è così ripartito: 18% GDO; 28% GDS; 54% DS.
Il fatturato dei dealer specializzati si compone: per il 47% dalla vendita di bici; per il 23% da ricambi e accessori; per il 6% dall’abbigliamento.
L’analisi geografica pone il Nord Est al primo posto per le vendite, nonostante una popolazione inferiore in termini numerici rispetto ad altre zone. Da studi di settore emerge che tali regioni d’Italia sono anche quelle nelle quali l’utilizzo delle due ruote a pedale è molto diffuso. In particolare, svettano Veneto ed Emilia Romagna, che ospitano strutture e infrastrutture dedicate alla bicicletta in grado di sostenere l’acquisto e l’uso. Quando esiste il modo di integrare mezzi pubblici veloci con corsie preferenziali per le bici, piste ciclabili, zone 30, ZTL, parcheggi, trasporto sui mezzi pubblici ecco che la bicicletta risulta il veicolo più pratico, rapido e conveniente che esista. Il 50% degli spostamenti all’interno dei centri urbani è inferiore ai 5 Km e la bici risulta essere il mezzo più veloce per spostamenti contenuti in questa distanza.
Il 53% dei negozi specializzati ha dichiarato di aver avuto una diminuzione del fatturato al centro nord e solo il 15% un aumento. Al centro sud, il 50% dei negozi ha dichiarato una diminuzione mentre il 25% ha avuto un aumento. Questo dato si spiega con le vendite di biciclette “elettriche”. In aumento in tutta Italia, ma con un trend di vendita, su valori relativi, maggiore al centro sud Italia.
Due progetti come la rete BiciItalia, per collegare dal nord a sud il paese, e la Pianura Padana VEN.TO Venezia-Torino (da est a ovest), sono presentati periodicamente ai referenti politici ma mai realizzati, nonostante la modesta richiesta di risorse pubbliche.
Sul mercato si stanno affacciando anche nuovi acquirenti. Per questo motivo, è nato ANCMA BIKE ACADEMY, un progetto che mira alla formazione dei negozianti e degli addetti alla filiera affinché siano in grado di rispondere, con maggiore consapevolezza, alle esigenze di un pubblico diverso che si avvicina per la prima volta alle due ruote a pedale e non è orientato allo sport e all’agonismo. La finalità è la trasmissione corretta e diretta dei valori legati alla bicicletta.
L’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori e PadovaFiere hanno siglato una intesa strategica di collaborazione che mira al consolidamento della manifestazione ExpoBici quale punto di riferimento fieristico internazionale dell’intero comparto, condividendo gli stessi obiettivi di cultura delle due ruote a pedale. L’evento si svolgerà a Padova dal 21 al 23 settembre 2013.
La situazione in Europa.
Dati allineati di contrazione delle vendite si riscontrano in tutta Europa. Mediamente la contrazione è generalizzata sugli stessi valori anche nei paesi più ciclabili come Olanda, Germania, Francia e Inghilterra.
Nonostante il calo delle vendite in Italia, il nostro Paese si conferma il maggiore player europeo in termini di assemblaggio di biciclette, insieme alla Germania. La crisi europea si riscontra nel volume delle nostre esportazioni che nel 2012 tocca - 8,5% con 1.261.705 articoli.
Il quadro europeo delle biciclette assemblate illustra che quasi il 60% del venduto in Europa è montato proprio nel vecchio continente. Un dato unico al mondo. In tutti gli altri continenti la vendita di biciclette è al 95% di origine asiatica. Dal 1994 l’Europa della Bicicletta utilizza a suo vantaggio i TDI, Trade Defence Instruments. Nel pieno rispetto di una normativa comunitaria, permettono agli stati membri di difendersi dalle importazioni illegali, sovvenzionate, contrabbandate da paesi complici, offerte a prezzi di dumping.
Dumping è un termine che riporta ad una strategia commerciale molto precisa. E’ l’azione di vendita di una particolare categoria di prodotti ad un prezzo molto basso per un periodo limitato di tempo al fine di annientare la concorrenza locale di quella regione impadronendosi del mercato. Raggiunto tale obiettivo, l’industria che ha operato in regime di dumping ottiene il monopolio e può riposizionare i prezzi che le consentiranno di riprendere nel tempo gli investimenti fatti per raggiungere tale scopo. I TDI sono dunque a favore dell’industria comunitaria per impedire tutto questo.
Confindustria ANCMA ha, da anni, un ruolo da protagonista, a livello europeo, per contrastare comportamenti illegali.
E’ presente, inoltre, sia in COLIBI (Comitè de Liaison des Constructeurs de pièces Bicyclettes) sia in COLIPED (Comitè de Liaison de pièces Dètachèes).

CONFINDUSTRIA ANCMA - Via Antonio da Recanate, 1 20124 Milano | Tel. 02.677.35.11 - Fax 02.6698.2072 | e-mail: ancma@ancma.it C.F. 80063930152

Informativa Cookie

Che cosa sono i cookie

I cookie sono dei piccoli file testuali che vengono memorizzati sul tuo computer mentre navighi su un sito internet o utilizzi un’applicazione web. Questi file contengono informazioni di vario tipo che mirano ad arricchire le funzionalità di un sito (come per esempio gli acquisti online o la personalizzazione dei messaggi in base alle tue preferenze), raccogliere dati statistici e in generale migliorare la tua esperienza di navigazione.

Tipologia di cookie e finalità

Esistono diversi tipi di cookie, i quali vengono classificati in base alle loro caratteristiche e alle modalità di utilizzo, secondo questo schema:

Cookie di sessione / Cookie permanenti

I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer mentre si visita un sito (ad esempio per tenere traccia della lingua selezionata). I cookie di sessione vengono memorizzati per un breve periodo di tempo, ed eliminati alla chiusura del browser.

I cookie permanenti, invece, rimangono sul computer per un lungo periodo di tempo, a seconda della scadenza impostata quando viene generato il cookie stesso. Questi cookie consentono ai siti internet di tenere in memoria informazioni anche durante le visite successive dell’utente, evitando per esempio di dover inserire di nuovo le proprie credenziali di accesso.

Cookie di prime parti / Cookie di terze parti

I cookie di prime parti vengono impostati dai siti stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti.

I cookie di terze parti, invece, vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti web. Tali cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per tracciare le visite al sito, possono essere "cookie di terze parti".

Cookie tecnici / Cookie di profilazione

I cookie tecnici sono indispensabili per il corretto funzionamento di un sito web o di un’applicazione: senza di essi il sito potrebbe non funzionare correttamente o impedire del tutto alcune funzioni.

I cookie di profilazione servono a raccogliere e memorizzare informazioni sul visitatore (per esempio le pagine visitate, le ricerche effettuate, ecc.) per poter offrire messaggi pubblicitari più mirati e in linea con i propri interessi.

Cookie utilizzati sul sito www.ancma.it

Il sito http://www.ancma.ita seconda della tipologia e della finalità del sito stesso, potrebbero installare sul computer del visitatore uno o più cookie di terze parti, riportati qui di seguito:

 
Cookie Tipologia Finalità
Google Analytics Profilazione Monitoraggio e analisi del il traffico sul sito, al fine di ottenere dati statistici e profilare i visitatori.
 

Come eliminare i cookie dal proprio computer

I cookie possono essere limitati o bloccati modificando le impostazioni del proprio browser.

Di seguito sono riportare le istruzioni per rimuovere i cookie già installati sul proprio computer relativamente ai browser più diffusi. Per maggiori dettagli, si invita a consultare la guida del proprio browser.

Internet Explorer

  • Nella schermata Start tocca o fai clic su Internet Explorer per aprire Internet Explorer.
  • Scorri rapidamente dal bordo destro dello schermo e quindi tocca Impostazioni. Se usi un mouse, posiziona il puntatore nell'angolo inferiore destro dello schermo, muovilo verso l'alto e quindi fai clic su Impostazioni.
  • Tocca o fai clic su Opzioni, e, in Cronologia, tocca o fai clic su Seleziona.
  • Seleziona la casella di controllo Cookie e quindi tocca o fai clic su Elimina.

Firefox

  • Fare clic sul pulsante dei menu e selezionare Opzioni.
  • Selezionare il pannello Privacy.
  • Alla voce Impostazioni cronologia: selezionare utilizza impostazioni personalizzate.
  • Fare clic sulla voce “Mostra i cookie”. Verrà visualizzata la finestra Cookie.
  • Nel campo Cerca:, digitare il nome del sito di cui si vogliono rimuovere i cookie. Apparirà un elenco che riporta i cookie relativi alla ricerca effettuata.
  • Nell'elenco, selezionare i cookie da rimuovere e fare clic sul pulsante “Rimuovi cookie
  • Fare clic sul pulsante “Chiudi” per chiudere la finestra Cookie.
  • Fare clic su OK per chiudere la finestra delle opzioni.

Safari

  1. Seleziona Modifica ( | Ripristina Safari.
  2. Verifica che le seguenti caselle di controllo siano selezionate:
    • Vuota la cache
    • Rimuovi tutti i cookie
  3. Clicca su Ripristina.
  4. Chiudi e riavvia il browser.

Chrome

  • Fai clic sul menu Chrome nella barra degli strumenti del browser.
  • Seleziona Impostazioni.
  • Fai clic su Mostra impostazioni avanzate.
  • Nella sezione "Privacy", fai clic sul pulsante Impostazioni contenuti.
  • Nella sezione "Cookie", puoi modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
  • Fai clic su Tutti i cookie e i dati dei siti per aprire la finestra di dialogo Cookie e dati dei siti.

Per eliminare tutti i cookie, fai clic su Rimuovi tutto nella parte inferiore della finestra di dialogo.

Per eliminare un cookie specifico, posiziona il puntatore del mouse sopra il sito che ha generato il cookie, quindi fai clic sulla X visualizzata nell'angolo destro.

Come opporsi ai cookie di terze parti

Per maggiori informazioni sui cookie di terze parti, e per opporsi a tali cookie, sono di seguito riportate le informative dei relativi titolari.

Google Analytics

Titolare dei dati: Google Inc., Amphitheatre Parkway, Mountain View, CA 94043, USA (“Google”).

Per maggiori informazioni:https://www.google.com/intl/it/policies/privacy/

Per opporsi ai cookie: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it